Banner
Giovedi, 17 Aprile 2014
    • Increase font size
    • Default font size
    • Decrease font size
  •  
  • Home Ambiente L'ecologia profonda, un tentativo per cambiare radicalmente visione

    L'ecologia profonda, un tentativo per cambiare radicalmente visione

    E-mail Stampa PDF

    AddThis


    L'ecologia profonda e' il tentativo di cambiare radicalmente il pensiero 'occidentale' dominante che pone l'uomo al centro del cosmo, trasformando di conseguenza la natura in oggetto. Il testo di Guido Dalla Casa costituisce un'introduzione ad una visione olistica del mondo, posta in relazione con le culture animiste e con le principali culture 'orientali'.
    ecologia profonda
    L'ecologia profonda e' il tentativo di cambiare alla radice tutto il pensiero filosofico occidentale dominante

    L'ecologia profonda non riguarda l'uso di detersivi biologici o il riciclaggio, pratiche che rientrano nella 'cultura del rattoppo' oggi dominante, ovvero in una visione basata sul rapporto inscindibile tra produzione, consumo e rifiuti e che viene invece descritta in termini di ecologia di superficie, una forma di pensiero antropocentrica che pone l'ambiente comunque come 'oggetto' a disposizione dell'uomo, un ambiente che va salvaguardato (o mutato) sempre per il vantaggio dell'essere umano.

    L'ecologia profonda e' molto di piu'. Essa e' il tentativo di cambiare alla radice tutto il pensiero filosofico occidentale dominante, quel pensiero che pone l'uomo al centro del cosmo trasformando la Natura in oggetto, verso invece un'essenziale visione ecocentrica e panteistica che riunisca uomo ed ecosistema in un tutt'uno.

    In L'ecologia profonda. Lineamenti per una nuova visione del mondo (Arianna Ed.), partendo dalla Genesi e passando lungo la storia del pensiero occidentale (dai greci a Descartes, da Platone alla relativita' di Einstein, dalla rivoluzione industriale fino ad oggi), Guido Dalla Casa evidenzia come l'Occidente sia soltanto un modello culturale tra i tanti possibili, che si sviluppa attraverso i propri miti biblici i quali, a loro volta, sono stati le basi ideologiche per l'ascesa di questa visione del mondo e della vita estremamente antropocentrica e aggressiva, modello che sempre piu' si espande a livello globale.

    Si tratta di una cultura che basa la propria esistenza sui miti cosmogonici e antropogonici ebraici i quali prevedono un Dio esterno che crea l'universo prima e quindi l'uomo a sua immagine e somiglianza, dando a quest'ultimo il 'dominio' sul Creato. La Natura viene percepita come essere alieno alla sfera umana che risulta invece l'unica possibile, l'unica degna: in questa prospettiva la Natura va combattuta e assoggettata.

    L'autore non ci parla solo dell'Occidente. Attraverso un'analisi comparata tra le varie culture e religioni del pianeta, Dalla Casa ci permette di riflettere anche sul rapporto tra uomo e ambiente sia nelle culture orientali, quanto in quelle animiste. Pian piano viene dunque rivelato come il mito delle origini di una data cultura influenzi a livello inconscio (a prescindere se si e' credenti o 'atei'), quindi archetipale, tutta la vita dell'uomo che in questa cresce.

    mondo mani disegno
    L'Occidente ha messo in atto un processo di colonizzazione e controllo del pianeta e delle sue risorse

    Nelle altre culture non abramitiche le divinita' sono immanenti, ovvero coincidono con la Natura, e l'uomo ne e' assolutamente parte integrante, vivendo in un equilibrio stazionario con la Natura stessa e quindi con Dio, con il Grande Spirito. Ne consegue una visione ancestrale e magica della vita stessa in quanto l'animista si trova a diretto contatto con le Divinita', nonche' un rapporto di stima e rispetto per tutto cio' che vive poiche' opera di Dio.

    L'Occidente, invece, ponendosi al di sopra della Natura e come 'popolo a cui viene rivelata la verita' da Dio' o 'popolo eletto', comincia una violenta guerra contro tutto e tutti: stigmatizza come 'primitive' le altre culture, determinando cosi un processo di colonizzazione del pianeta e il controllo delle risorse, nonche' il dominio sugli altri popoli visti come 'selvaggi'.

    Questo processo si velocizza ulteriormente con l'avvento della modernita', quindi dell'illuminismo e del materialismo, con la specializzazione e la frammentazione delle (cono)scienze, con lo sviluppo di strumenti sempre piu' complessi e potenti che dividono la physis in particelle inerti (eccetto pochi pensatori che parlano di 'mente immanente' dell'ecosistema dentro cui avvolgono anche l'uomo), determinando cosi l'avvento della societa' in cui viviamo adesso, una societa' formata da 'uomini divoratori', lontani anni luce dal loro vecchio ruolo nella Natura in quanto parti integranti, esseri (sim)biotici. Inoltre il modello occidentale si espande sempre piu', causando lo sfruttamento di aree del globo un tempo incontaminate.

    cielo nuvole
    L'ecologia profonda propone un cambio di prospettiva innanzitutto a livello metafisico

    Tutto questo non ha senso, e' illogico. Termini oggi cosi in voga come 'crescita', 'sviluppo sostenibile', 'progresso', 'terzo mondo', etc. si sgretolano dinanzi al lettore scomparendo o trasformandosi in puro non sense. Il pianeta sta morendo ed il collasso sembra vicino. Il modello industriale basato sull'atomizzazione della vita, sulla trasformazione della Natura in merce e sulla crescita infinita (in un mondo finito) non ha piu' ragion d'essere, anzi sembra quasi un tentativo di suicidio di massa, in quanto gli uomini occidentali (o occidentalizzati) appaiono, agli occhi dell'autore, come esseri voraci, quasi ipnotizzati da un pifferaio magico che li guida alla distruzione del loro stesso ambiente in nome di un benessere in realta' fittizio, fattore che prima o poi portera' a degenerazioni irreversibili se non ci sara' alcun cambiamento di rotta entro tempi ragionevoli.

    L'ecologia profonda propone un cambio di prospettiva innanzitutto a livello metafisico. Tracciando un vero e proprio manifesto, il testo propone un ritorno all'ecosistema di cui facciamo parte senza metterci su un piedistallo o darci alcun ruolo particolare, se non quello di esseri che sono parte integrante di questo mondo in equilibrio. Una visione olistica e, se vogliamo, anche ilozoista, che ci permette dunque di rivedere e riscoprire la Natura sotto una nuova (o antica) luce, ricercando quanto di magico e mistico vi e' in questa, magia distrutta dalla nostra avitica brama di conquista e di potere.

    (Tratto da: http://www.ariannaeditrice.it)
    L'ecologia profonda, un tentativo per cambiare radicalmente visione



    Articoli correlati:
    Articoli più recenti:
    Articoli meno recenti:

      Offrici l'equivalente di un caffè e sostieni l'informazione indipendente!

    Aggiungi commento


    Codice di sicurezza
    Aggiorna

    Commenti dei lettori

    Sostieni l'informazione indipendente!

    Denunce

     

    Case farmaceutiche, low cost e profitti

    (Fonte: altrenotizie.org) La vicenda giudiziaria avra' il suo corso e i due nomi illustri hanno preparato gia' il ricorso. Nel frattempo numerosi pazienti potranno sapere che Avastin puo' curarli t...

     

    Italia: un popolo che non vuole salvarsi

    Da troppo tempo siamo in crisi, ne siamo tutti convinti ripetendocelo come un mantra, e quando leggiamo di luci in fondo al tunnel o segni di ripresa, scuotiamo la testa pensando ai guai che abbiamo...
    Sostieni l'informazione indipendente!

    Utenti collegati

    Ci sono 114 visitatori online

    Block Notes

     

    Cari ecologisti umanitari impariamo da Renzi

    Non va bene che il piu' grande e potente movimento degli ultimi 30 anni sia invisibile! Nessun partito rappresenta quelli come me.Non abbiamo neppure un nome che ci definisce perche' avevamo altro da ...