“Mi aspetto una crisi economica paragonabile a quella del 1929”

di Alain de Benoist – 02/04/2020

Fonte: breizh info

Prima di tutto, cosa pensa della leadership del governo francese, che sembra non sapere davvero dove rivolgersi dall’inizio di questa pandemia? La variabilità delle opinioni di Emmanuel Macron e Edouard Philippe è senza precedenti. Michel Onfray evoca una possibile fine del regime, lo crede anche Lei?

Michel Onfray ha detto, con più talento di me, tutto ciò che c’era da dire sulla gestione disastrosa dell’attuale crisi sanitaria da parte della squadra di Emmanuel Macron. Ho scritto alcuni anni fa che è nel caso eccezionale che potremmo prendere la misura completa del personaggio. Ora sappiamo di cosa si tratta. Uno statista decide, ordina. Macron si affida al consiglio di “esperti” che, come al solito, non sono d’accordo tra loro. Riscopre le virtù della “sovranità nazionale ed europea”, ma dopo aver moltiplicato le riforme liberali che moltiplicato i trasferimenti e la dipendenza dalle importazioni. Saluta e ringrazia coloro che combattono e si dedicano, ma nessuno ha dimenticato che prima dell’arrivo del Covid-19, si era rifiutato di ascoltare le loro richieste.

Ciò è dimostrato dallo stato degradato dei nostri servizi sanitari, su cui sono stati imposti obiettivi di redditività miope e la cui dilapidazione viene ora misurata: maschere e test di screening mancanti, letti rimossi, personale infermieristico agli estremi del collasso, i servizi ospedalieri saturi. Hanno voluto includere nella logica di mercato un settore che è per definizione al di fuori del mercato. I servizi pubblici sono stati sistematicamente indeboliti e distrutti. Ne stiamo pagando il prezzo. E questo è solo l’inizio, perché il parto durerà per settimane, se non per mesi. Non siamo alla fine dell’inizio, tanto meno all’inizio della fine.

Non credo assolutamente all’aumento della popolarità di Emmanuel Macron. All’inizio, come da regola, tutti si sono uniti. Ma quando si tratta del “giorno successivo”  – e i tempi sono maturi – emergeranno le responsabilità, e il giudizio del popolo sarà spietato. Se, come credo, tutta questa faccenda porta a una crisi sociale di prima grandezza, il movimento dei gilet gialli apparirà più che mai come una prova generale di quello che potrà accadere. Ora possiamo vedere chiaramente di quanto sia diventato vivere per le classi lavoratrici e le classi medie.

La figura del professor Raoult, che è emersa di recente, le sembra una necessità per i media, ancora una volta alla ricerca di icone (da un lato, del governo, dall’altra un po’ “antagonista”?) da offrire ai nostri concittadini. Non siamo in definitiva nel cuore della società dello spettacolo in questa crisi?

Il professor Raoult è apparentemente l’unico ad aver iniziato a ottenere risultati nella lotta contro l’epidemia. Invece di essere grato a lui, è stato presentato come uno scherzo e come “idolo cospiratore”! Ora stiamo annunciando una ricerca “più approfondita”, il cui scopo principale è quello di sviluppare un farmaco che sarà presentato come “migliore” della clorochina e che avrà il vantaggio principale di costare (e quindi portare) molto più denaro. Mostra la società in cui viviamo? Piuttosto, qui abbiamo a che fare con una guerra di ego e una grande faida.

Un mese fa ci hai parlato del tuo scetticismo riguardo alla chiusura dei confini. È ancora di quella opinione, quando tutti gli stati hanno preso queste misure?

Sono ovviamente a favore della chiusura e del controllo dei confini. Volevo solo dire che tecnicamente è quasi impossibile impedire a chiunque di entrare o uscire da un paese e che un confine chiuso non è un confine stretto. La prova è che il coronavirus sta causando il caos in tutti i paesi, compresi quelli che furono i primi a chiudere i loro confini.

L’Unione Europea si sta finalmente suicidando a causa di questa crisi senza precedenti? Ognuno per sè, nessuno per tutti…?

Non si è suicidata per la semplice ragione che era già morta. Uno dei meriti della crisi era solo quello di consentire a tutti di vedere il proprio corpo. Di fronte all’epidemia, i leader della Commissione europea sono apparsi in uno stato catatonico. Ora rilasceranno denaro che distribuiranno in “elicottero”, dopo aver movimentato un po’ di più la rotativa per la stampa. Ma concretamente non è stato fatto assolutamente nulla. Non è stata l’Europa a soccorrere l’Italia, ma la Cina, la Russia e Cuba. La vendetta postuma di Fidel Castro!

Quali conseguenze economiche vede all’orizzonte, nei prossimi mesi?

Mi aspetto una crisi economica paragonabile a quella del 1929. Durerà molto più a lungo dell’attuale epidemia, farà molti più danni e ucciderà molte più persone. Se accompagnata da una crisi finanziaria globale, assisteremo a uno tsunami senza precedenti: crisi economica, e quindi sociale, finanziaria, crisi sanitaria, crisi ecologica, crisi migratoria. Nel 2011 ho pubblicato un libro intitolato Au bord du gouffre (Sull’orlo del baratro, Arianna editrice). Mi sembra che ci siamo.

Ma dobbiamo anche aspettarci conseguenze politiche e geopolitiche di prim’ordine. Lo sviluppo dell’epidemia in un paese come gli Stati Uniti, il cui sistema sanitario, organizzato ovviamente in modo liberale, è uno dei meno efficienti al mondo, è chiamato a svolgere un ruolo decisivo e merita di essere seguito molto da vicino (l’epicentro globale dell’epidemia è oggi a New York). È probabile che gli Stati Uniti si dimostreranno molto più inadeguati della Russia e della Cina, le loro uniche due rivali al momento. Ancora una volta, siamo solo all’inizio.

Be the first to comment on "“Mi aspetto una crisi economica paragonabile a quella del 1929”"

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: