L’Europa ci impone olio e formaggi di bassa qualità

olio la7Olio vecchio spacciato per extravergine e formaggio fatto con il latte in polvere: sono due delle assurde politiche UE che rischiano di affossare l’agroalimentare italiano, tra le proteste dei produttori che pagano un conto salato a causa della lontananza di Bruxelles (Danilo Lupo)

La richiesta del parlamento europeo di cancellare dalle etichette la data di produzione dell’olio extra vergine di oliva è stata approvata dal parlamento italiano il 30 giugno scorso. Ciò significa che la vendita sarà meno trasparente perchè non sara più possibile sapere se l’olio contenuto sugli scaffali è olio nuovo dell’anno in corso, oppure olio vecchio di due o magari tre anni prima. Questo, oltre a favorire le grandi catene multinazionali, ci indurrà al consumo di olio di bassa qualità e penalizzerà i produttori locali, che anche se potranno mettere l’etichetta sui loro prodotti (se cancellare non sarà obbligatorio), saranno sempre meno competitivi sui costi di produzione.

Be the first to comment on "L’Europa ci impone olio e formaggi di bassa qualità"

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: