Emergenza smog: il decalogo di Legambiente

(http://www.terranuova.it)
Dieci azioni contro lo smog proposte da Legambiente: dal divieto di circolazione dei vecchi diesel e per l’uso di caldaie a gasolio, fino ai disincentivi per chi inquina.

In Italia, soprattutto nelle grandi città e nella Pianura Padana, è allarme smog, con concentrazioni di polveri sottili ben al di sopra della soglia massima di tolleranza. Nei centri urbani si sperimentano soluzioni drastiche, accolte con resistenze e scetticismo. Servono però delle politiche a lungo raggio e delle regole più severe. Legambiente ha stilato un decalogo per la riduzione dell’inquinamento. Ecco i dieci passi da compiere:

1000 treni per i pendolari – Annunciati nel 2006 dal governo Prodi, che fece sperare in una nuova politica dei trasporti, ma mai arrivati. Intanto i disservizi, l’affollamento dei convogli e il forte disagio per chi viaggia, porta sempre più persone a scegliere l’auto per entrare e uscire dalle città negli spostamenti quotidiani casa-lavoro.
Fuori i diesel dalle città – Limitazione della circolazione in ambito urbano dei veicoli più inquinanti (auto e camion) sul modello adottato dalla città di Parigi: entro il 2016 divieto di circolazione di tutti i veicoli degli euro0 ed euro1, e dei diesel (auto e camion) euro2. Entro il 2017 divieto esteso a diesel euro3 e poi a crescere sino a vietare nel 2020 la circolazione dei veicoli diesel euro5 (quelli venduti sino ad oggi).
Nuovi controlli sulle emissioni reali delle auto -Applicazione immediata dei nuovi criteri di prova di omologazione per i veicoli immessi sul mercato, con verifica su strada e dichiarazione obbligatoria dei risultati reali di consumo e di inquinamento risultanti. Richiesta già avanzata da Legambiente ma ancora senza risposta.
Ridurre la velocità – Imporre a livello nazionale il limite di 30 km/h all’interno dei centri abitati, con l’eccezione delle principali arterie di scorrimento. Con effetti sulla riduzione dell’inquinamento atmosferico e acustico derivante dall’uso dell’auto e grandi benefici in termini di sicurezza stradale, riducendo notevolmente il numero di incidenti.
Chi inquina paga – Prevedere, con una disposizione nazionale, l’estensione del modello dell’Area C milanese (un ticket a pagamento per i veicoli inquinanti) a tutte le grandi città e con una differente politica tariffaria sulla sosta, i cui ricavi siano interamente vincolati all’efficientamento del trasporto pubblico locale.
Muoversi in città… senza l’auto. Approvare un piano nazionale che imponga target di mobilità a livello urbano (sul modello della raccolta differenziata) per arrivare entro due anni ad una quota di spostamenti individuali motorizzati al di sotto del 50% del totale. A partire da questo obiettivo fissare target ambiziosi per arrivare nel giro di 6-8 anni sotto il 30%.
Un Piano nazionale antismog in cui il governo assuma un ruolo guida importante, dotato di risorse economiche, obiettivi misurabili e declinabili. La priorità deve essere la realizzazione di nuove linee metropolitane e di tram, a cui devono essere vincolate da subito almeno il 50% delle risorse per le infrastrutture, da destinare alle città. Occorre infine una verifica dei piani di risanamento dell’aria delle regioni e delle principali città per garantire una uscita dall’emergenza entro i prossimi cinque anni.
Stop ai sussidi all’autotrasporto per migliorare il TPL. Dal 2000 al 2015 sono stati dati circa 400 milioni in media l’anno all’autotrasporto e anche per il 2016 gli aiuti diretti e indiretti saranno pari a 250 milioni di euro. Chiediamo che tali risorse siano, al contrario, destinate a incrementare e migliorare il trasporto pubblico locale e il servizio per i cittadini.
Riscaldarsi senza inquinare. Divieto di uso di combustibili fossili, con esclusione del metano, nel riscaldamento degli edifici a partire dalla prossima stagione di riscaldamento. Obbligo di applicazione della contabilizzazione di calore nei condomini in tutta Italia a partire dalla prossima stagione di riscaldamento. Obiettivo del 3% all’anno sulla riqualificazione degli edifici pubblici e privati per attuare il piano europeo per ammodernare o ricostruire l’intero patrimonio edilizio entro 30 anni.
Ridurre l’inquinamento industriale. Occorre applicare autorizzazioni integrate ambientali (AIA) stringenti, come prevedono le norme europee e nazionali e rendere il sistema del controllo pubblico efficace. Per fare ciò occorre però sbloccare l’iter di approvazione della legge sul sistema delle Agenzie e dei controlli ambientali ferma al Senato da oltre un anno.
di Dario Scacciavento

Tratto da:
http://www.terranuova.it/Ambiente/Emergenza-smog-il-decalogo-di-Legambiente

Be the first to comment on "Emergenza smog: il decalogo di Legambiente"

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: