«Rischio cancro con le carni rosse e lavorate: non è una sorpresa»

In merito al documento redatto e pubblicato dal team di studiosi dello IARC, l’agenzia internazionale per la ricerca sul cancro dell’Oms, pubblichiamo un intervento del dottor Enrico Moriconi, veterinario e autore della prefazione al libro “Il primo ricettario vegan per cani”.

«Ha sollevato molto scalpore il documento dell’OMS che definisce cancerogene le carni trattate con conservanti, quali hot dog, wurstel, bacon, ecc., e potenzialmente cancerogene le carni rosse in genere – spiega il dottor Enrico Moriconi – Un primo elemento di commento sottolinea come in tema di alimentazione le notizie che circolano si dimenticano presto, se è da anni che lo stesso organismo mette in guardia sulla pericolosità delle carni riguardo alla possibile insorgenza di tumori: nelle linee di guida per una sana alimentazione, un punto su dieci era il richiamo a consumare poca carne, evidentemente un avviso di una potenziale pericolosità. Il fatto che oggi ci si stupisca in modo così clamoroso significa che il precedente messaggio era stato dimenticato da molti se non da tutti. Secondariamente lascia esterrefatti che gli organi dell’informazione diano spazio, allo stesso modo, alle voci di un organismo internazionale che ha lo scopo di tutelare la salute pubblica e a quelle dei produttori che sapranno come allevare – si spera – un animale ma non sono certo accreditati come esperti di salute e alimentazione. Un altro elemento di riflessione riguarda il problema delle carni conservate come certamente  cancerogene, anche questa è una conoscenza  già diffusa pubblicamente ma dimenticata: i nitriti utilizzati come conservanti nello stomaco delle persone si associano alle ammine diventando nitrosammine che sono riconosciute ufficialmente come cancerogene; quindi anche in questo caso il nuovo documento non aggiunge nulla di particolare solo si può definire come la certificazoione ufficiale di  quanto noto da tempo».

«Infine gli acquirenti dovrebbero interrogarsi sulla qualità delle notizie e sulle modalità che usano gli esperti quando sono interpellati: sui media generalisti mainstream, come contraltare all’OMS sono state fornite dichiarazioni di medici che si sono affrettati a smorzare i toni invitando a non demonizzare la carne. È vero che il comparto zootecnico muove risorse per decine di miliardi solo in Italia e che sa far valere le sue  ragioni, però solleva perplessità il fatto che si contestino le affermazioni di un organismo internazionale che ha esaminato una notevole mole di documenti e di riscontri prima di lanciare un allarme, di cui conosceva benissimo la potenziale ricaduta negativa su un settore importante in tutto il pianeta, sulla base di posizioni personali non suffragate da elementi oggettivi».

Tratto da: http://www.terranuova.it/Alimentazione-naturale/Rischio-cancro-con-le-carni-rosse-e-lavorate-non-e-una-sorpresa

 

Be the first to comment on "«Rischio cancro con le carni rosse e lavorate: non è una sorpresa»"

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: