Distruggere i sogni non fermera’ l’esodo dall’Africa

 (Fonte: znetitaly.altervista.org)Distruggere i sogni non fermera’ l’esodo dall’Africa

Di Vijay Prashad

23  aprile 2015

Due sponde dell’Africa immergono i migranti in una profonda disperazione.  Migliaia di persone provenienti dalla cintura centrale del continente si dirigono in Libia, si ammucchiano sulle barche dirette in Europa e non raggiungono mai la loro destinazione.

Nel frattempo, il gruppo dello Stato Islamico rapisce i migranti etiopi e li uccide. I militanti dell’IS fanno il lavoro dei fascisti europei che preferirebbero vedere morti questi uomini e donne disperati piuttosto che vivi sulle loro spiagge.

All’altra estremita’ dell’Africa, dichiarazioni incaute dei capi Zulu inviano uomini e donne ugualmente miserabili a sollevarsi contro i migranti.

Il re degli Zulu, Goodwill Zwelithini, ha impersonato i partiti politici d’Europa contrari agli immigrati, quando  ha fatto un appello agli stranieri a ‘preparare le loro cose e a tornarsene nei loro paesi.

La violenza ha attraversato con forza distruttiva Durban e Johannesburg, spesso contro persone di paesi che avevano fornito rifugio ai combattenti per la liberta’ durante la lotta contro l’apartheid.

La disoccupazione in aumento e l’instabilita’ politica hanno creato le condizioni tossiche per l’emigrazione di massa e con questo anche l’ascesa del sentimento anti-immigrazione. L’Unione Europea e l’Organizzazione Internazionale della Migrazione (IOM), seguono i sintomi del problema e si concentrano sui percorsi della migrazione.

L’Unione Europea e’ ansiosa di distruggere le barche sulla costa libica in modo che non possano trasportare il loro carico umano. La IOM suggerisce che l’esperienza di anti-pirateria sulle costa della Somalia  puo’ essere trasferita alle acque della Libia.

Non c’e’ focalizzazione sulle difficolta’ dei migranti, ne’ su quello da cui fuggono e su che cosa cercano. Questi migranti fuggono dal crollo strutturato delle loro economie e delle strutture politiche. La disoccupazione giovanile e’ un problema grave in tutta l’Africa.

La pubblicazione African  Economic Outlook dei recenti anni ha messo in guardia sui crescenti tassi di crescita senza la promessa di un impiego.

Questa crescita e’ avvenuta a causa dell’aumento delle esportazioni dall’Africa di beni primari (come l’olio di palma e il petrolio usato come combustibile, oro e diamanti, caco e legno e anche cotone).

La percentuale di guadagno per le economie africane e’ minima,  grazie all’ordine ineguale del commercio globale.

Oltre 10 anni fa, i presidenti del Mali e del Burkina Faso, Amadou Toumani Toure e Blaise Compaore, hanno scritto un articolo infuocato sul New York Times, intitolato semplicemente: ‘I vostri sussidi per l’agricoltura ci stanno strangolando’.

Grazie ai privilegi del potere, agli Stati Uniti e’ stato permesso un regime di tariffe per il sussidio che protegge i suoi agricoltori e soffoca quelli africani.

Per forza  queste sono regioni propense ad al-Qaida, all’emigrazione, e alle mafie  Le conseguenze sociali della politica commerciale e delle guerre hanno come conseguenza i tipi di caos che ora paralizzano tanta parte del Sud Globale.

Nulla di tutto questo entrera’ nelle discussioni di tragedie come quella delle morti al largo della Libia, della morte degli Etiopi in Libia o della violenza in Sudafrica.

Ognuna di queste e’ trattata separatamente e ha necessita’ di qualche tipo di cura palliativa. I dibattiti sulle cause   sono accantonati.  Li toccano troppo da vicino.  E’ molto piu’ facile dare la colpa alla ‘cultura’ per le tragedie del mondo ”’la  corruzione e il conflitto tra sette sono le spiegazioni del giorno.

E’ molto piu’ difficile arrivare al cuore della questione: alle politiche che catturano e coltivano i sogni delle persone.

Da: Z Net ”’ Lo spirito della resistenza e’ vivo

www.znetitaly.org

Fonte: [zcomm.org]

Originale: al-Araby

Traduzione di Maria Chiara Starace

Traduzione © 2015 ZNET Italy ”’ Licenza Creative Commons  CC BY NC-SA 3.0

 

 

 

(Tratto da: http://znetitaly.altervista.org)

Be the first to comment on "Distruggere i sogni non fermera’ l’esodo dall’Africa"

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: