Considerazioni sulla terapia a base di Vitamina B17

(Fonte: www.ecplanet.com)

La guerra contro il Cancro e’ stata definitivamente vinta cinquant’anni fa, ma nessun medico oncologo-ospedaliero ve lo confessera’ mai.

In realta’, la storia della ‘>scoperta della cura del cancro‘ e’ vecchia, molto piu’ vecchia, vecchia di almeno 150 anni, o forse piu’, volendo risalire fino a Ippocrate di Kos e a cio’ che dicevano i medici romani gia’ nel Secondo Secolo Dopo Cristo’¦.

Phillip Day, nel suo libro ‘Cancro, se vuoi la vita prepara la verita’‘, Credence Publications, 2003, riprende gran parte del lavoro fatto dal grande scienziato americano Ernest Krebs, con le sue riscoperte in merito all’utilizzo della vitamina B17 nella cura del cancro.

Cio’ che segue sono appunti parzialmente tratti da diversi testi fra cui il libro di Phillip Day, di cui comunque, da parte dell’autore del presente lavoro, dott. Giuseppe Nacci, non si condivide la teoria trofoblastica come noxa eziopatogenetica, preferendo invece ritenere il tumore come una ‘semplice conseguenza di carenze vitaminiche protratte nel tempo con successiva impossibilita’ da parte delle cellule vecchie di andare incontro alla normale apoptosi per carenza estrema di vitamine adatte al normale funzionamento apoptotico insito nel sistema del DNA‘.

leggi tutto

(Tratto da: http:// www.ecplanet.com)

Be the first to comment on "Considerazioni sulla terapia a base di Vitamina B17"

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: