Uno sguardo all’America di oggi (Assata Shakur)


America!

Il razzismo e la brutalità della polizia sono una realtà costante negli USA, ma oggi stanno raggiungen-do livelli mai conosciuti prima. I Neri e la gente del Terzo Mondo sono il principale bersaglio: la polizia ha una virtuale licenza di uccidere per quanto riguarda le comunità Afro-americane, Latine, Nativo-americane e Asiatiche. Nella città di New York per esempio il 92,5% delle persone uccise dalla polizia nel 1992 facevano parte delle minoranze. 41 persone sono state uccise dalla polizia nel 1990, 15 erano Afro-americani, 23 erano Latini e solo 3 erano bianchi. Tra il 1990 e il 1991 il numero dei gruppi razzisti negli USA é cresciuto del 27%.
Povertà Attualmente negli Stati Uniti vivono più di 5 milioni di senza tetto. Tra il 1986 e il 1990 é aumentato del 49% il numero dei Neri che vivono in condizioni di estrema povertà nelle città . Nel 1989 il 50% dei bambini Neri e il 40% di quelli Latini al di sotto dei sei anni vivevano in povertà . Il reddito medio delle famiglie più ricche degli USA (5%) é cresciuto a 148.438 $ nel 1989, rispetto ai 120.253 del 1979. Nello stesso periodo il reddito medio delle famiglie più povere (20%) é sceso di 559 $. Nel 1990 la media dei lavoratori Neri guadagnava 329 $ a settimana, rispetto ai 427 dei lavoratori bianchi.
Istruzione In molte grandi città la percentuale dei bambini che abbandona la scuola si aggira tra il 30% e il 70%. è tre volte più facile che un bambino Nero venga classificato come ‘ritardato’ piuttosto che lo sia un bambino bianco.
Salute La percentuale di mortalità nei bambini neri (17,6% nel 1988) é più del doppio di quella dei bianchi (8,5%). Iil tasso di mortalità infantile di Detroit, Washington e Filadelfia é superiore a quello della Giamaica o della Costa Rica. Nel centro di Harlem il tasso di mortalità infantile é uguale a quello della Malesia. Nel Bangladesh il 55% degli uomini raggiungono i 65 anni di età , mentre ad Harlem solo il 40% vive così a lungo. Più di 34 milioni di americani non ha alcuna assicurazione sulla salute. Dei non assicurati circa il 27% sono Latini, il 20% Neri e il 12% bianchi.
Prigione I Neri ammontano a meno del 6% della popolazione americana, ma quasi al 50% dei detenuti. Gli Stati Uniti hanno la più alta percentuale di persone incarcerate, il 4,26%. Il Sud Africa é il secondo paese con un tasso del 3,33%.
Pena di morte Ci sono circa 2.400 persone nei bracci della morte. Più del 41% dei prigionieri inattesa di esecuzione sono Afro-Americani. Più del 6% sono Latini. Attualmente ci sono più di 100 prigionieri politici e prigionieri di guerra nelle prigioni USA. Questi prigionieri sono stati incarcerati per la loro opposizione alla politica e alle azioni del governo USA che sono illegali dal punto di vista della legge interna ed internazionale, incluso il diritto all’autodeterminazione, il genocidio, colonialismo, razzismo e militarismo. Il governo USA criminalizza ed imprigiona persone impegnate nella lotta per l’autodeterminazione dei Nativi Americani, i Portoricani, i Neri e i Messicani-Cicani all’interno dei confini degli Stati Uniti. Gli USA criminalizzano ed imprigionano anche bianchi nordamericani ed altre persone che hanno espresso solidarietà alle lotte per l’autodeterminazione, per la pace, contro le armi nucleari, contro il razzismo, il sessismo ed altre forme di discriminazione. Persone politicamente attive sono state sottoposte a pene detentive spropositamente lunghe, a torture, trattamenti crudeli, inumani e degradanti all’interno del sistema carcerario USA.”

Assata Shakur
(Intervento ad un meeting dell’organizzazione di solidarietà con i popoli di Africa, Asia e America Latina.)

Be the first to comment on "Uno sguardo all’America di oggi (Assata Shakur)"

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: