Pane fatto in casa – Bilanci di Giustizia


Pane fatto in casa

Da aprile faccio il pane in casa grazie ad un amico che mi ha dato la pastamadre per farlo lievitare naturalmente.
Il lavoro é minimo: devo fare un primo impasto (composto dalla pasta madre,100 gr d’acqua e 150 gr di farina), farlo lievitare una prima volta perquattro ore circa (di solito lo faccio la sera prima di andare a dormire) epoi fare un secondo impasto (aggiungo 300 gr d’acqua e 500 gr di farina) chelascio riposare 2-3 ore (quando vado a lavorare, faccio il secondo impastoalle 7,30 per poi infornare la pagnotta al mio rientro, alle 17,30). Aquesto punto, stacco un pezzo dell’impasto grande come un pugno e lo mettoin frigo in una vaschetta chiusa (lo utilizzerò come madre la voltasuccessiva), prendo una manciata di farina, manipolo un poco l’impastorimasto e lo metto in forno: 20 min. a 210 gradi e poi 45-50 a 180 gradi.Dopo la prima mezz’ora giro la teglia per farlo cuocere uniformemente.

Per i due impasti il tempo é di circa 10-15 minuti per volta.

Passiamo ai costi (i prezzi sono riferiti a Firenze):
Solitamente la mia pagnotta pesa circa 700-800 gr più o meno, ma percomodità , assumiamo che pesi 1 kg.

Prezzi del pane in vendita:
Prezzo del pane al supermercato: 2750 lire/kgPrezzo del pane al forno vicino a casa: 4200 lire/kgPrezzo del pane integrale biologico a lievitazione naturale e cotto a legna:6500 lire/kg

Costi per l’autoproduzione:
Lievitazione:con pasta madre, gratiscon lievito di birra fresco, 150 lire/kg
Farina:bianca a basso prezzo, 450 lire/kgbianca, 900 lire/kgbianca o integrale biologica, 2000 lire/kg
Energia:secondo i dati presenti nel libretto del mio piccolo forno (tipo fornetto delonghi, per intendersi) occorrono 0,1 kwh per portare il forno dallatemperatura ambiente fino a 200 gradi, e altri 0,5 kwh per mantenerlo a 200gradi per un’ora: si può assumere con buona approssimazione quindi che ioconsumi 0,6 kwh per ogni pagnotta sfornata. Dalla bolletta ENEL ho visto che1 kwh costa, a seconda della fascia di consumo, 114 0 151 lire: considerandoil prezzo più alto, il consumo energetico del pane é di 90 lire circa.

Una pagnotta di pane biologico mi costa quindi:2000 lire di farina biologica0 lire per il lievito90 lire di energia1 lira scarsa d’acqua che per comodità non considero nei costi

TOTALE: 2090 lire al chilo
Considerando il prezzo più basso del pane, il risparmio per ogni pagnotta édi 660 lire l’una, per circa otto pagnotte al mese fanno 5280 lire al mese.Se considero il pane biologico cotto a legna, il risparmio a pagnotta é di4410 lire, al mese di 35280 lire.

Detto per inciso, il fornetto che ho é ventilato ed é un modello simile alde longhi. Il costo é di circa 200-220 mila lire; ci sono anche piùeconomici ma non ventilati e quindi con consumi leggermente superiori (nonsaprei valutare quanto però).

Valutazioni personali finali:fare il pane in casa é più economico che acquistarlo, ma con la lievitazionenaturale, per i suoi tempi più lunghi, occorre ricordarsi con anticipo difare i vari impasti (si può ovviare con il lievito di birra, aggiungendo uncosto di 150 lire a pagnotta e 1200 lire al mese);
per non fare sciupare la pasta madre, é consigliabile fare una nuovapanificazione almeno ogni settimana (magari facendo la pizza);
il pane a lievitazione naturale é mangiabile agevolmente anche dopo diversi
giorni, a differenza del pane del supermercato e di quello comune del forno,quindi eliminazione degli sprechi;
fare il pane in casa mi diverte e mi dà la soddisfazione di produrrequalcosa di ben fatto e di riappropriarmi della mia manualità .

Ciao

Patrizio – Firenze

Be the first to comment on "Pane fatto in casa – Bilanci di Giustizia"

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: